Investire in criptovalute con i CFD

mano bitcoinLe criptovalute sono, per molti versi, l’affare del momento. Bitcoin è sicuramente la moneta virtuale che trascina tutte le altre, con una performance che ha permesso agli investitori di quintuplicare il loro capitale in un singolo anno. Molti trader acquistano e rivendono le criptovalute, o cercano di ottenerle “minandole” con i diversi metodi disponibili. Spesso però chi non ha un capitale elevato da introdurre in questo mercato preferisce sfruttare le piattaforme criptovalute, in modo da ottenere il massimo guadagno anche con cifre non troppo alte da utilizzare nel singolo affare.

La bolla delle criptovalute

Stiamo assistendo, negli ultimi anni, alla bolla finanziaria delle criptovalute. Dalla nascita di Bitcoin, avvenuta nel 2009, questa moneta ha aumentato rapidamente il suo valore, fino a raggiungere cifre elevatissime. In seguito sono nate ulteriori monete virtuali, che sembra possano avere un successo simile, anche se è forse troppo presto per fare dichiarazioni di questo tipo. Per molti versi le criptovalute sono la moneta del futuro, non più gestita da una banca centrale, non più valute ufficiali di un singolo Stato o di una federazione, ma regolate esclusivamente dal mercato: più sono richieste e maggiore è il loro valore. Purtroppo il loro punto di forza potrebbe anche essere il loro tallone d’Achille: se il mercato cessasse di essere interessato nei bitcoin, il loro valore crollerebbe nel corso di pochi mesi, lasciando gli investitori con un pugno di mosche in mano. Che questo avvenga è molto probabile, non ci è però dato sapere quando, potrebbe accadere domani come fra qualche mese, o anno. Certo è che l’equilibrio su cui si basa l’aumento di valore dei bitcoin, e delle altre criptovalute, è instabile e non è opportuno investire in questo tipo di mercato a cuor leggero.

Compravendita o CFD

Come dicevamo il successo dei bitcoin deriva dai tanti investitori che hanno acquistato questa nuova moneta e che probabilmente la utilizzano. Sono diverse infatti le istituzioni e le società che accettano pagamenti in bitcoin. Il piccolo investitore invece preferisce inserire il proprio capitale in un altro mondo, quello del trading con i CFD. Questo soprattutto per quanto riguarda i bitcoin, il cui valore è superiore ai 5.000 euro, per singola moneta. Risulta chiaro che per investire in bitcoin acquistandoli è necessario avere a disposizione almeno 5.000 euro, o multipli di tale cifra. Chi non possiede capitali di queste dimensioni, o preferisce evitare di utilizzarli per un singolo mercato o asset, in genere sfrutta i CFD, o altri prodotti finanziari derivati. Striamo parlando di un metodo di investimento meno dispendioso per il trader, e anche più immediato, con ampie possibilità nel corso della settimana. Le piattaforme di trading per il mercato delle criptovalute infatti sono attive 24 ore al giorno, 5 giorni a settimana, e consentono di aprire e chiudere affari anche di durata brevissima, ottenendo subito i soldi guadagnati. Invece che affidarsi alla compravendita questo tipo di speculazioni riguardano le previsioni sull’andamento delle quotazioni delle criptovalute, dal bitcoin al Litecoin, dall’ethereum fino all XRP, la nuova moneta creata da Ripple.

Leave a Reply