Brexit colpisce il mercato immobiliare: comprare casa a Londra costa un po’ di meno

Comprare casa a Londra? Non è certo un’operazione alla portata di tutti, ma sta diventando sempre più conveniente, o quasi. Tanto che, sostengono alcuni analisi – forse con un occhio eccessivo di pessimismo – tra non molto tempo comprare una casa nella costosissima City potrebbe diventare molto più economico rispetto a quanto non sia oggi, o non sia stato ieri. (altro…)

Vodafone pensa a un suo operatore mobile virtuale

Come ben noto, la concorrenza nel settore della telefonia mobile non accenna ad arrestarsi o ad allentare la propria morsa. E, di conseguenza, i principali big del settore sono sempre impegnati alla ricerca di nuove leve di marketing utili per poter attrarre e fidelizzare maggiormente la propria clientela. (altro…)

OVS chiude prima parte dell’anno positivamente

OVS ha annunciato di aver chiuso la prima parte dell’anno con delle prestazioni piuttosto positive. I ricavi sono infatti cresciuti del 6,5% a 319,3 milioni di euro, mentre l’EBITDA adjusted è stato pari a circa l’11% a 29,3 milioni di euro,ben oltre le principali attese degli analisti. Il debito netto è salito a 339 milioni di euro, contro i 319 milioni di euro del primo trimestre dell’anno precedente e contro i 266 milioni di euro dell’anno 2016. Ad ogni modo, l’evoluzione dell’indebitamento non ha colto di sorpresa gli analisti, che attendono fisiologici incrementi a causa della stagionalità di cui soffre il business societario della compagnia di abbigliamento italiana. (altro…)

Stati Uniti, invariata la spesa personale

forexStando agli ultimi dati pervenuti, emerge che la spesa personale dei consumatori degli Stati Uniti a marzo è rimasta invariata, ma in termini reali è comunque aumentata di 0,3 per cento su base mensile, dando così delle indicazioni piuttosto ottimistiche per i consumi in primavera, dopo la delusione del primo trimestre 2017 (+0,3 per cento t/t ann.), che a sua volta è stata determinata principalmente dalla debolezza di gennaio e di febbraio. (altro…)

Stati Uniti, peggiora il deficit della bilancia commerciale

La bilancia commerciale statunitense dei beni, nel corso del mese di marzo ha registrato un deficit di -64,8 miliardi di dollari, da -63,9 miliardi di dollari del mese di febbraio, che a sua volta era stato rivisto da -64,8 miliardi di dollari. Le esportazioni calano di -1,7 per cento su base mensile, con significative correzioni delle materie prime, delle auto e dei beni di consumo. Le importazioni correggono invece di -0,7 per cento mese su mese, per il secondo calo consecutivo. Nonostante la debolezza delle esportazioni di marzo, nel primo trimestre il canale estero dovrebbe aver dato un modesto contributo positivo alla crescita del PIL. (altro…)

Migliorano le vendite in McDonald’s

Buone notizie per McDonald’s, che ha annunciato di aver migliorato le vendite e i risultati operativi. La società, titolare della più nota catena di fast food al mondo, ha affermato infatti che le vendite del primo trimestre, su base omogenea, sono aumentate dell’1,7 per cento, superando così le aspettative che le proiettavano al +1,3 per cento.

Per quanto riguarda le altre righe di conto economico e le altre rilevazioni utili dalla nota societaria diffusa alla stampa, notiamo come l’utile operativo passa da 1.780,3 milioni di dollari a 2.034 milioni di dollari su base trimestrale. (altro…)

Wells Fargo chiude trimestre con utili oltre le attese

Wells Fargo, uno dei brand più noti degli Stati Uniti per quanto concerne il comparto dei finanziamenti per la casa, ha annunciato di aver chiuso il primo trimestre dell’anno con un livello di utile sopra le attese. Tuttavia, non tutti i dati comunicati agli stakeholders sembrano essere positivi, visto e considerato che contemporaneamente cala la domanda di mutui. (altro…)

Campari lancia due bond da 150 milioni

La primavera 2017 è stato il momento atteso del ritorno sul mercato obbligazionario per diverse realtà italiane e internazionali. Cominciamo con Campari, che ritorna con l’emissione di due bond, collocati alla Borsa di Vienna, per un importo complessivo di 150 milioni di euro, al fine di supportare finanziariamente la tender offer su altri due bond già sul mercato da 600 e 400 milioni di euro.

Nel dettaglio, il bond da 100 milioni di euro offre una cedola del 2,165 per cento, con una scadenza di 7 anni mentre per il secondo bond da 50 milioni di euro la cedola è all’1,768 per cento, con una scadenza pari a 5 anni. (altro…)

Stati Uniti, ISM manifatturiero in modesto calo

Tra gli ultimi dati macro economici pubblicati negli USA, si registra un andamento non totalmente in atteso dell’ISM manifatturiero, che nell’aggiornamento del mese di marzo è calato in maniera modesta a 57,2 punti dai precedenti 57,7 punti del mese di febbraio, sulla scia di una fisiologica correzione della produzione (a 57,6 punti da 62,9 punti) e di un marginale calo degli ordini (a 64,5 punti da 65,1 punti), che comunque restano su livelli storicamente elevati. (altro…)

Fiducia dei consumatori USA ancora in crescita

Qualche sorpresa macro economica negli Stati Uniti è giunta dalla pubblicazione del nuovo dato aggiornato relativo all’andamento dell’indice di fiducia dei consumatori calcolato dalla Conference Board, che nel corso del mese di marzo è salito ai massimi livelli da 16 anni a questa parte attestandosi a 125,6 punti e beneficiando di una revisione al rialzo del precedente da 114,8 punti a 116,1 punti. (altro…)