Previsioni metalli industriali 2019

Come andrà il settore dei metalli industriali nel corso del prossimo anno? Le previsioni sono positive o no?

La risposta, almeno a giudicare gli outlook dei principali analisti, sembra essere moderatamente incoraggiante, soprattutto grazie alla buona tenuta dei fondamentali. Rimane l’idea che ci possa essere un limitato recupero sul finale del 4° trimestre, ancora una volta sulla base del miglioramento dei dati di base dei singoli principali metalli utilizzati in ambito industriale, che anche nel corso di questo mese stanno confermando il proprio tono positivo.

Peraltro, le rinnovate tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina (solamente in parte assopite dal tiepido accordo raggiunto in sede G20 a Buenos Aires) hanno reso ancora volatile il comparto; i due Presidenti di Stati Uniti e Cina hanno cercato di appianare le divergenze al G20 in Argentina, e il mercato ha festeggiato la tregua nella guerra commerciale a partire dal prossimo anno. Nessuno, però, crede che questa intesa sia effettivamente duratura o immune da ulteriori escalation.

Più positivo sembra essere il supporto offerto dai dati fondamentali: quelli pubblicati, e ancor più quelli in uscita, dovrebbero infatti favorire un recupero, almeno di breve durata, dei prezzi dei principali metalli di uso industriale. Il calo dei livelli delle scorte sul mercato e una domanda ancora forte giunta dal manifatturiero globale, nonostante il modesto rallentamento cinese, hanno comunque contribuito a evitare una flessione maggiore dei metalli industriali in un quadro di volatilità, che in questo finale di 2018 sta caratterizzando tutti i mercati finanziari.

Smartphone con fotocamera circolare Huawei

I produttori di smartphone stanno cercando di condurre i loro sforzi verso la realizzazione di telefonini senza cornice. Tuttavia, non è questa l’unica strada che le società stanno percorrendo: se le indiscrezioni troveranno conferma, vedremo a breve un design completamente nuovo.

In tal senso, il merito potrebbe essere anche di Huawei, che ha svelato un teaser che mostra un ritaglio di telecamera circolare posto nell’angolo in alto a sinistra dello schermo, notato dall’utente Twitter Ice Universe, e condiviso sul social network cinese Weibo. Inoltre, anche il Galaxy A8S di Samsung potrebbe avere un design simile, dimostrando dunque che potrebbe trattarsi di un nuovo standard di mercato, ancorchè relativo al segmento di fascia alta.

Un’immagine trapelata (sempre da Ice Universe) mostra quello che potrebbe essere una protezione dello schermo per uno smartphone Samsung con un ritaglio di telecamera angolare, presumibilmente il Galaxy A8s. Samsung ha confermato che sta effettivamente lavorando su un tale display, che chiama “Infinity-O”, e Huawei ha detto a The Verge che l’immagine teaser di cui sopra è autentica. Insomma, entrambe le fughe di notizie sono state sostanzialmente confermate. (altro…)

Campus femminile di Apple per lo sviluppo di app

Apple sta cercando di supportare al meglio l’imprenditoria e i talenti femminili e, proprio per questo motivo, ha dato il via al suo nuovo Entrepreneur Camp, un laboratorio tecnologico focalizzato sullo sviluppo delle app.

Il campus, gratuito e della durata di due settimane, prenderà il via a gennaio e permetterà alle donne partecipanti di ottenere assistenza diretta dagli ingegneri Apple, partecipare a sessioni di design, tecnologia e marketing di App Store. L’idea è quella di aiutare i team a ridurre i tempi complessivi di sviluppo delle applicazioni. Per poter partecipare, è essenziale che l’azienda sia fondata da donne, co-fondata da donne o condotta da donne, e che almeno una donna sia presente nel team di sviluppo.

Insomma, per le aziende che attualmente sono presenti solo su Android, Entrepreneur Camp potrebbe essere un’opportunità per loro di conoscere meglio l’ecosistema di Apple e ottenere supporto direttamente dai creatori della tecnologia. Per Apple, è un’opportunità per aumentare sia la quantità che la qualità delle applicazioni presenti nel proprio negozio.

“Volevamo concentrarci sulle donne che hanno già un business basato sulle app e non richiediamo loro di avere un’app per iOS”, ha dichiarato Esther Hare, Senior Director of Worldwide Developer Marketing Esther Hare di Apple. “Questo non è un incubatore in cui si arriva con una buona idea e noi aiutiamo a pensarci sopra” – ha poi proseguito, specificando che “si tratta di avere già una buona idea, e magari si desidera incorporare l’apprendimento automatico o la realtà aumentata, o utilizzare alcune delle altre tecnologie Apple”.

Inoltre, Hare immagina questo programma come un supporto che potrebbe aiutare le donne ad ottenere maggiori finanziamenti. “crediamo di poter avere un ruolo nel portare le donne in ruoli di leadership” e aiutare a mantenere le donne nella forza lavoro – ha poi concluso.

Quando l’uomo andrà su Marte?

Il CEO di SpaceX, Elon Musk, ha detto che c’è una possibilità del 70% che si rechi personalmente su Marte. Musk, 47 anni, ha dichiarato al nuovo programma Axios su HBO che crede che l’esplorazione di Marte sia più di una semplice fantasia sognata dai super ricchi, che potrebbero voler usare i viaggi spaziali come una sorta di “via di fuga” esclusiva.

Ad ogni modo, lo stesso Musk, pur essendo particolarmente ottimista, non nasconde le criticità. Musk ha infatti dichiarato che mentre volare su Marte è una sfida difficile, l’atterraggio sul Pianeta Rosso sarà in grado di rappresentare ulteriori sfide ancora più complesse”.

“Potresti atterrare con successo, e una volta atterrato con successo, lavorare senza sosta per costruire la base”, ha suggerito Musk. “Quindi, non c’è molto tempo per il tempo libero. E anche dopo aver fatto tutto questo, è un ambiente molto duro. Quindi ….. c’è una buona probabilità che tu muoia lì” – ha specificato Musk, per poi sottolineare che i progressi tecnologici possono consentire un volo per Marte entro sette anni, con un prezzo del biglietto di “circa un paio di centinaia di migliaia di dollari”. Nonostante i rischi, Musk ha affermato che andrebbe senza esitazione.  “Ci sono molte persone che scalano le montagne. La gente muore sempre sull’Everest. A loro piace farlo per la sfida” – ha aggiunto

Musk ha parlato spesso di colonizzare Marte con la sua compagnia SpaceX, e ha espresso preoccupazione per un potenziale piano di backup per l’umanità se la Terra diventasse alla fine un deserto inabitabile.

Riscaldamento globale, gli scienziati vogliono oscurare il sole

La questione di come invertire, o almeno contenere, il riscaldamento globale, è probabilmente il problema più grande che l’umanità dovrà affrontare nel 21° secolo – e con l’aumento del livello del mare, le temperature estreme e l’esaurimento delle nostre barriere coralline, trovare la soluzione non è mai stato così urgente come ora.

Tuttavia, un gruppo di scienziati potrebbe aver apportato una interessante novità, per quanto piuttosto discussa: in uno studio pubblicato sulla rivista “Environmental Research Letters”, un team di ricercatori ha infatti esaminato tattiche e costi delle “iniezioni di aerosol stratosferico”, finalizzato a ridurre la luce solare mediante lancio di materiale apposito fino a 20 chilometri nell’atmosfera inferiore.

Gli scienziati hanno stimato che questo potrebbe dimezzare l’aumento della forza radioattiva antropogenica – in altre parole, potrebbe ridurre sostanzialmente la quantità di radiazione solare che rimane nell’atmosfera terrestre invece di essere riflessa nello spazio come risultato delle emissioni di gas serra umane.

I ricercatori prevedono che questo investimento costerebbe circa 2,25 miliardi di dollari all’anno, e potrebbe essere pronto per lo spiegamento in 15 anni – tuttavia, attualmente non ci sono velivoli in grado di lanciare il materiale a queste alte quote.

Inoltre, lo studio non ha esaminato gli effetti potenzialmente devastanti che l’oscuramento del sole potrebbe avere su altre forme di vita sulla Terra; ad esempio, piante e altri organismi fotosintetizzanti potrebbero lottare per sopravvivere in un ambiente con meno luce solare, il che a sua volta avrebbe enormi conseguenze per gli animali e gli insetti a monte della catena alimentare.

Insomma, un piano non facile e non certo privo di rischi…

4 regole per renderti più efficiente a lavoro

Vuoi realmente diventare più efficiente sul lavoro? Ebbene, le regole che dovresti seguire sono numerose, ma dovresti comunque partire da almeno questi 4 punti di partenza. In particolar modo, cerca di terminare ciò che si avvia: lasciare un progetto dimezzato ti renderà super stressato. Come si può passare all’attività successiva sapendo di avere un compito incompleto appeso sopra la testa? Quando completi un’attività, inoltre, ti sarà rilasciata una scarica di endorfine, che ti farà sentire felice e più rilassato. Dunque, per avere un nuovo slancio cerca di finire quello che hai iniziato prima di passare al prossimo lavoro da fare.

In secondo luogo, pianifica la tua settimana in anticipo. Una lista di cose da fare taglierà ore di procrastinazione e confusione su ciò che dovrai fare nelle ore successive. All’inizio della settimana (o ancora meglio alla fine della precedente) dedica un’ora facendo una lista dettagliata di ciò che dovrai fare – in questo modo potrai anche scegliere i lavori più importanti da completare per primi in modo da non perdere tempo.

In terzo luogo, tieni traccia del tempo. Un buon modo per verificare quanto sei efficiente è quello di registrare il tempo che passi su ogni progetto. Dovresti scrivere quanto tempo spendi per ogni compito e attività (comprese le conversazioni casuali con i colleghi e la preparazione del caffè), e sarai in grado di identificare cosa sta prendendo un pezzo della tua giornata e dove puoi essere più efficiente!

Infine, prenditi delle pause. Fare delle pause è essenziale per aumentare la produttività. Non c’è modo di essere efficienti come all’inizio della giornata senza distogliere lo sguardo dall’area di lavoro. In effetti, gli scienziati dicono che non è possibile concentrarsi per più di 90 minuti alla volta – suggerendo che si dovrebbe riposare ogni 90 minuti durante un’attività.  Perché da loro torto?

Affiliate marketing, come funziona il tracking

La chiave per il marketing di affiliazione? È ovviamente essere in grado di tracciare l’intero processo, dall’invito ai potenziali clienti verso un sito web fino all’azione completata, in modo che il merchant sia in grado di assegnare all’affiliato corretto la giusta commissione.

Ma come funziona? Se è vero che quanto sopra è davvero il fulcro del marketing di affiliazione, è anche vero che sarà sufficiente di disporre di un software specializzato nel monitoraggio degli affiliati per poter tracciare le campagne di affiliazione, generalmente fornito e supportato dalla stessa rete di affiliazione. Spesso, il merchant e l’affiliato utilizzeranno anche degli specifici software di tracciamento, per assicurarsi che non ci siano grosse discrepanze. (altro…)

Migliora l’autostima facendo le cose quando non sei sicuro

Sai quale è un metodo efficace per migliorare l’autostima? È quello di fare le cose anche quando non sei pienamente sicuro. A volte, infatti, le persone rimandano le cose, come invitare qualcuno a un appuntamento o fare domanda per una promozione, finché non si sentono più sicuri. Ma a volte, il modo migliore per ottenere la fiducia è farlo!

Esercitati ad affrontare alcune delle tue paure che derivano da una mancanza di fiducia in se stesso. Se hai paura di metterti in imbarazzo o pensi di rovinarti, provalo comunque. Ciò non significa che non dovresti prepararti o esercitarti, naturalmente. Se hai un grande discorso pubblico da fare, esercitati di fronte ai tuoi amici e alla tua famiglia, per ottenere una certa sicurezza. Tuttavia, non aspettare finché non ti senti sicuro al cento per cento prima di procedere, perché potresti non arrivarci mai.

Fortunatamente, abbracciare un po’ di insicurezza potrebbe effettivamente aiutarti a comportarti meglio. Uno studio del 2010 pubblicato su Psychology of Sport and Exercise ha rilevato che gli atleti che hanno abbracciato il loro insicurezza hanno sovraperformato gli atleti che erano sicuri al 100% in se stessi.

Detto ciò, quando il tuo cervello ti dice che non hai nulla da dire in una riunione o che sei troppo fuori forma per allenarti, ricorda a te stesso che i tuoi pensieri non sono sempre “giusti”. E a volte, il modo migliore per affrontare una paura è sfidare quei pensieri. Prova a fare cose che il tuo cervello ti dice che non puoi fare. Dì a te stesso che è solo un esperimento e vedi cosa succede. Potresti imparare che essere un po’ ansiosi o fare qualche errore non è così grave come pensavi. E ogni volta che vai avanti potrai acquisire più fiducia in te stesso.

Diventa un visionario per raggiungere il successo a lavoro

 

Vuoi avere successo in ambito lavorativo? Prova a diventare un visionario! Il visionario è colui che ha un obiettivo e lo comunica chiaramente. Lascia che i tuoi collaboratori vedano la tua missione, perché è positiva e perché essi stessi sono essenziali per raggiungerla.

 

La creazione della visione dipende da te. Per esempio, il tuo reparto IT potrebbe compiere il proprio lavoro senza tempi di inattività. Oppure un reparto marketing potrebbe stabilire una visione per la creazione di un marchio indissolubile. O ancora il tuo impianto di produzione potrebbe cercare di ottenere il 10 percento in più di output. Rendi la visione positiva, realizzabile e soprattutto, compresa da tutti.

 

Nel far ciò, cerca di diventare una guida per i tuoi collaboratori… in modo sostenibile. Se infatti spingi il tuo gruppo in modo troppo forte, i tuoi collaboratori finiranno con lo spaventarsi e fuggire. Ma se riuscirai a guidarli gentilmente, verso il tuo “recinto”, avrai facile successo. naturalmente, i dipendenti non sono delle pecore, ma se imposterai le strutture e le aspettative nel giusto modo, riuscirai a tracciare una strada nella quale incanalare le loro aspettative con maggiore ottimismo.

 

Ancora, cerca di ricordarti che devi promuover e tutto quello che ti serve, senza scuse. Oltre a mantenere  e pretendere un comportamento etico, far sapere alla tua squadra che la missione è abbastanza importante da richiedere i migliori sforzi è un riflesso del tuo impegno verso l’azienda. Il modo migliore per farlo implica che tu stia facendo tutto ciò che serve: metti in chiaro i tuoi sforzi e dimostra che sei parte del gioco in cui la tua squadra è protagonista.

 

Qualche consiglio per trovare lavoro se sei un giovane studente

Quando sei alle superiori è probabile che tu non abbia lavorato molto (o non lo abbia fatto per niente), e dunque può essere difficile trovare un nuovo lavoro. In effetti, gli adolescenti hanno un tasso di disoccupazione molto alto: tuttavia, se sei uno studente delle scuole superiori in cerca di un lavoro, ci sono cose che puoi fare per aiutarti a farti assumere e far notare la tua affidabilità e le tue qualità.

In primo luogo, non essere timido. Di che stai cercando un lavoro a tutti quelli che conosci. Molti lavori non sono pubblicizzati e potresti essere in grado di ottenere un buon posto grazie a un amico o a un familiare. Più persone contatti e maggiori saranno le tue possibilità di trovare un lavoro. Inoltre, prova a presentarti presso le aziende locali e chiedi se stanno assumendo. La tua motivazione e la tua fiducia in te stesso faranno la differenza!

Ricorda anche che un buon modo per fare esperienza quando sei uno studente delle superiori è iniziare a lavorare per amici e vicini. Baby sitter, falciare i prati, occuparti di lavori in giardino, spalare la neve o accudire gli animali domestici potrebbero finire nel tuo curriculum. Inoltre, le persone per le quali lavori saranno in grado di rilasciare delle referenze quando fai domanda per altri lavori.

Infine, ti consigliamo di avere una mente aperta e non limitarti a determinati tipi di lavoro. Questo è un mercato difficile per i giovani in cerca di lavoro, e potresti non essere in grado di trovare un lavoro volendo necessariamente e unicamente ciò che vuoi fare. Se hai bisogno di uno stipendio, mantieni una mente aperta quando si tratta di scegliere ciò che andrai a fare. Più flessibilità hai, maggiori opportunità avrai!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi